Il fotovoltaico, nonostante l’affermarsi nell’ultimo decennio di questa tipologia di impianto, è ancora un argomento estraneo a molti. Molte sono le domande che ci si pone soprattutto sul suo rendimento e ritorno economico.

Abbiamo, quindi, deciso di scrivere quest’articolo per cercare di chiarire le idee a tutti coloro che non conoscono ancora questa nuova tecnologia o che vogliono sapere qualcosa in più.

Sono diversi i fattori che possono influenzare il ritorno economico di un impianto fotovoltaico, ma di seguito ne elencheremo 3 principali:

  • Produzione dell’impianto
  • Utilizzo o meno di un finanziamento per la realizzazione
  • Periodo in cui l’impianto è stato realizzato
Rendimento-pannelli-fotovoltaici-modena-sassuolo

Produzione dell’impianto

Solo affidandoti ad un professionista specializzato nella realizzazione di impianti fotovoltaici potrai ottenere ottimi risultati. L’azienda scelta, infatti, dovrà essere in grado di fare un’analisi corretta dei tuoi consumi per proporti una soluzione reale garantita.

Quanta più energia l’impianto produrrà, tanto più veloce sarà il ritorno economico dell’investimento.

Gli elementi che condizionano la produzione sono:

 

  • Ubicazione geografica
  • Esposizione e inclinazione: un impianto esposto a SUD produce il 10% in più di un’installazione a EST.
  • Ombreggiamenti: la presenza o meno di ombreggiamenti, può fare la differenza. Un solo modulo che subisce l’ombreggiamento di un comignolo, di un albero o qualsiasi altro ostacolo, darà problemi a tutta la stringa elettrica a cui è legato. In questi casi o ti tieni lontano dall’ostacolo o ricorri agli OTTIMIZZATORI di potenza.
  • Dimensionamento: si tratta di un elemento importantissimo e deve essere fatto da un tecnico preparato, possibilmente un ingegnere elettrico.
Da-cosa-dipende-la-resa-dei-pannelli-modena

Finanziamenti e interessi bancari

Altro fattore che incide nel ritorno economico sono gli interessi che le banche o le finanziarie percepiscono, se decidi di accendere un mutuo per realizzare l’investimento.

Più sarà lunga la durata del prestito, maggiori saranno gli interessi e viceversa.

Se ti affidi ad una finanziaria con un prodotto specifico, è possibile prolungare il prestito fino a 10 anni. Se opti per una durata così lunga, i pro sono due: la rata è molto bassa e tra risparmio in bolletta, scambio sul posto e detrazione fiscale riesci a ottenere un vantaggio economico fin dal primo anno.

Ma attenzione perché, in caso di durate così lunghe, la finanziaria si mette in tasca interessi per il 50% dell’importo finanziato. Ad esempio, se la soluzione al tuo problema costa 10.000 e scegli per un finanziamento a 10 anni, con un tasso medio del 7,5%, gli interessi ti costeranno circa 5.000 e alla fine ti ritroverai ad aver pagato 15.000.

Conviene-l-impianto-fotovoltaico-sassuolo

Periodo in cui l’impianto è stato realizzato

È bene sapere che chi ha scelto di installare un impianto nel 2012, beneficiando del Conto Energia (che dal 2013 non esiste più), ha sostenuto un investimento importante ma, allo stesso tempo, otterrà un vantaggio economico maggiore di chi lo ha fatto nel 2015.

A questo proposito, apriamo una breve parentesi per i meno esperti:

È stato chiamato Conto Energia il sistema incentivante che ha fatto da volano per lo sviluppo del fotovoltaico in Italia. Questo meccanismo non prevedeva un incentivo in “conto capitali” ma in Conto Energia. Veniva erogato un incentivo su tutta l’energia prodotta dall’impianto, per vent’anni! Se l’impianto funziona bene e produce, allora il GSE fornisce importanti somme di denaro.

Il sistema di incentivi è partito nel 2005 ed è finito nel 2013, passando dal Primo al Quinto Conto Energia. Durante questo periodo la tariffa incentivante è stata modificata al ribasso e il costo degli impianti ha subito lo stesso andamento.

Chi ha investito nel 2005 ha speso cifre importanti ma ha anche ottenuto la tariffa maggiore, chi ha scelto di farlo nel 2013 ha speso molto meno a fronte di un beneficio economico minore.

Pannelli-fotovoltaici-resa

Da questo si capisce che il ritorno economico di un impianto fotovoltaico, dipende parecchio dal momento in cui l’investimento viene realizzato.

Lo scopo del Conto Energia era quello di favorire lo sviluppo di questa tecnologia fino ad arrivare alla grid parity, il momento in cui investire nel fotovoltaico sarebbe stato conveniente anche in assenza di incentivi. E ci siamo arrivati!

Ora la domanda sorge spontanea: Ad oggi, quindi, l’investimento è conveniente anche senza incentivi?

La risposta è: SI!

Ad ogni modo, gli incentivi sull’installazione di un impianto fotovoltaico ci sono ancora ci sono ancora, almeno fino al 2019.

 

Professionista-specializzato-nella-realizzazione

Visto che abbiamo ribadito più volte, all’interno di questo articolo, il fatto che un impianto fotovoltaico deve essere realizzato esclusivamente da specialisti del settore, nel caso tu stia pensando di installarne uno, ti consigliamo di rivolgerti a Idroterm sas: azienda esperta nel settore che, attiva tra Modena, Carpi, Sassuolo, Rubiera e dintorni, saprà realizzare un impianto fotovoltaico a regola d’arte.